Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Promemoria quotidiano del Regno della Luce
18-01-2015, 02:26 PM
Messaggio: #1
Promemoria quotidiano del Regno della Luce
Promemoria quotidiano del Regno della Luce

Ogni giorno che il dio di questo mondo è pazzo, ricordiamolo sempre, cari fratelli e sorelle in spirito, ricordiamolo, anime dormendo nelle nostre tuniche carne che non siamo di questo mondo. Che questo mondo è l'inferno stesso, il regno del Demiurgo e prigione terzi delle anime celesti
Il mio regno non è di questo mondo. Siamo figlio e figlie di Dio eterno cielo Buono
Vangelo di Giovanni: "Non siamo il mondo e il mondo non è di noi"
Non permettiamo a noi stessi coinvolti nella miseria del mondo, non possiamo fare nulla
Siamo seduti nel albero del bene e del male ... E il bene ha nulla da opporre il male
Siamo una Ecclesia fuoriuscito e perdoniamo
Prego che ciascuno (e) di noi arriva a una conclusione in questa vita.
Un abbraccio nello Spirito
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
19-01-2015, 09:24 AM
Messaggio: #2
RE: Promemoria quotidiano del Regno della Luce
Carissimo,
Concordo pienamente. Non dobbiamo in effetti mai scordarci di questo, onde sempre avere una visione chiara del mondo che ci circonda, e non cadere nella trappole delle illusioni. Questo è l'inferno, e noi ci troviamo incatenati in una delle sue innumerevoli sale di proiezione, costretti a vedere dei film che gli arconti vorrebbero farci credere che siano vere, che siano la nostra vita, quando non sono altro che una messa a scena escogitata allo scopo di farci credere che sia tutto qui, che non ci sia nulla di più. Nulla di più claustrofobico! Ha più valore una meditazione di un'ora fatta bene, che una vita vissuta senza consapevolezza.

Un abbraccio in Spirito,
Simone
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
19-01-2015, 12:13 PM
Messaggio: #3
RE: Promemoria quotidiano del Regno della Luce
L’Évangile de Philippe,- 10a: Les archontes voulurent tromper l’homme quand ils virent qu’il était apparenté à ce qui est vraiment bon. Ils prirent les noms de ce qui est bon et les donnèrent à ce qui n’est pas bon pour le tromper par les noms et le lier à ce qui n’est pas bon….
Il Vangelo di Filippo - 10a: Gli Arconti volevano ingannare l'uomo quando hanno visto che era legato a ciò che è veramente buono. Hanno preso i nomi di ciò che è buono, e li hai dati a ciò che non è buono per ingannare con i nomi e collegarlo a ciò che non è buono ....

Carissimo,

Ovviamente condivido pienamente il tuo punto di vista. Cercate di mantenere i testimoni, osservatori film in cui giocare molti ruoli spesso in completa illusione! Questo è importante in quanto il "ricordo di sé" e "la coscienza del momento" ..... essere di passaggio.

Un Abbraccio nello Spirito
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
26-01-2017, 10:41 AM
Messaggio: #4
RE: Promemoria quotidiano del Regno della Luce
Concordo pienamente carissimo,
Viviamo in un grande inganno, dove ogni cosa che percepiamo, sentiamo, udiamo, è il riflesso di qualcos'altro ancora. L'esperienza sensoriale è quindi falsa. Può però essere utile per tentare di capire, attraverso l'uso della visione profonda" che cosa c'è dietro a questo "spettacolo". Mantenere salda in noi la consapevolezza dell'illusorietà del tutto, e tentare di mantenere uno sguardo profondo, permette di essere un po' più liberi, e sereni.

Un abbraccio in Spirito
Simone
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
31-01-2017, 09:30 PM
Messaggio: #5
RE: Promemoria quotidiano del Regno della Luce
Tout à fait Simon ..tout à fait!
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione:
1 Ospite(i)

Torna all'inizio della paginaTorna al contenuto