Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
L’agricoltura di Dio
11-09-2015, 07:15 AM
Messaggio: #1
Thumbs Down L’agricoltura di Dio
Carissimi Sorelle e Fratelli,
Leggevo il vangelo di Filippo e ho trovato il seguente passo:

"L’agricoltura del mondo abbisogna di quattro elementi: si accumula nel granaio
quanto proviene dall’acqua, dalla terra, dal vento e dalla luce. Anche
l’agricoltura di Dio abbisogna di quattro elementi: la fede, la speranza, l’amore e la
gnosi. La nostra terra è la fede nella quale affondiamo la radice; l’acqua è la
speranza della quale ci nutriamo; il vento è l’amore per mezzo del quale
diventiamo grandi; e la luce è la gnosi per mezzo della quale maturiamo."

Lo ritengo molto bello e importante, in sostanza ci vengono elencati le fondamenta necessarie per
la nostra crescita rivolta alla salvezza della nostra anima/Spirito. La Fede deve essere fortissima come radici
molto profonde che si sostengono. La Speranza è il nostro nutrimento necessario ad affrontare il duro sentiero
in lotta contro l'ego. L'Amore evita di restare statici, è il nostro comandamento e più amiamo più cresciamo.
E la Gnosi, per mezzo delle preghiere e meditazioni cerchiamo la conoscenza e la verità, maturiamo e come
disse Tommaso: non smettere di cercare ... e non assaporerai la morte

Un Forte Abbraccio in Spirito

la fede, la speranza e la carità; ma di tutte più grande è la carità!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
30-11-2015, 11:36 PM
Messaggio: #2
RE: L’agricoltura di Dio
Carissima Sergio,
Dalla natura c'è in effetti molto da imparare. A chi ha gli occhi attenti, può svelare profondi segreti, e gli Gnostici, sensibili per natura, lo avevano capito, e messo in pratica.

Un abbraccio in Spirito,
Simone
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione:
1 Ospite(i)

Torna all'inizio della paginaTorna al contenuto